venerdì 17 febbraio 2012

SONO SOLO PAROLE



Ho letto un libro. Un bel libro . un libro che magari conoscerete: "Odio gli Indifferenti" di Antonio Gramsci. Non voglio proporre ai miei adorabili lettori  il discorso sugli indifferenti che avrete sentito e letto chissà quante volte. Invece  scriverò una frase di David  Bidussa che apre e presenta il libro come non potrebbe essere fatto meglio.
Bidussa scrive di politica e di potere. Dice: " La politica non è solo forza.  Chi ha il potere non sempre può tutto. Almeno non può ottenere la stima . La politica è anche autorevolezza. E l'autorevolezza dei "senza potere" si chiama " intelligenza"  Persino quando si è puniti per la propria intelligenza. E il proprio coraggio
Ebbene, io che sono una  persona " senza alcun potere" io che sono " bistrattata  e maltrattata ",   provo una grande consolazione a sapermi non ancora battuta  e mai sottomessa. 
In questi due giorni io me ne vado ad Acqui Terme a fare il bagno turco e poi lunghissime  nuotate nella piscina con l'acqua calda .  
Per chi  dovrà rimanere tra le strade grigie ed i  polverosi palazzi per garantirsi quella fetta di  necessaria visibilità e di apprezzamento illusorio  provo solo un misto di pena /disprezzo ed una sincera voglia di fancularlo.
Bye.

2 commenti:

Gillipixel ha detto...

Nella mi modesta esperienza, ho sempre apprezzato capi o superiori che sapevano imporre la loro autorità attraverso il carisma, la competenza, lo spessore umano...per questi mi sono sempre impegnato, quando domandavano qualcosa, non sentivo di fare il mio dovere controvoglia, anzi, sentivo un senso di armonia nel lavorare, perché quella stessa autorità correttamente fondata era uno degli ingredienti principali del senso del lavoro stesso...

Con quelli autoritari puri, invece, ho sempre lavorato con disgusto, sentendomi senza una guida vera...

Buoni bagnetti, Anto :-)

urbanascidades ha detto...

Urbanascidades e Urbanasvariedades juntam os blocos para pular o Carnaval. Hoje a poesia de Lídia la Escriba. Quer música, amanhã ouça Bob Dylan. Na segunda de carnaval conheça o carnaval de 1927 em Porto Alegre. Na terça, o desfile é por conta de um passeio de 10 dias de trem pela Suiça. E na quarta-feira de cinzas os vencedores... do Oscar desde 1929.