venerdì 7 agosto 2009

IL REGNO DELLE DUE SICILIE

La giornata era iniziata con i passerottini intorno al camper che cinquettavano gioiosi.

Io, che in questi giorni mi alzo alle sei manco dovessi andare in ufficio, m'ero subito messa all'opera per preparare la colazione dopo una doccia quasi fredda nel camper. Ho cominciato ad addobbare il tavolino all'esterno con ogni tipo di cibo : pane, marmellate, burro , biscotti probiotici e integrali misura poi caffè caldissimo e latte nella sua brocca. Era tutto così perfetto.
Persino le piccole mosche di granaio davano un tocco giustamente agreste a quella tavola imbandita. E la colazione era andata bene.
Abbiamo deciso di trasferirci in Sicilia.
Subito un piccolo incidente sulla strada ha rallentato la marcia. Un camioncino posteggiato male ci ha fatto saltare lo specchietto laterale.Poi abbiamo perso le chiavi, e la Salerno - Reggio Calabria che è quella che è, inutile lamentarsi.

Sul traghetto ho ritrovato la mia perduta serenità. Osservare la terra che si faceva sempre più vicina mi dava un senso di dominio della nave e di me stessa: ero colei che invadeva un territorio, ma nello stesso tempo questa terra separata dall'Italia invece me la rendeva più fragile e più fraterna di altre regioni . E poi il mare: questo mare gigantesco e schiumoso e profondo e scuro e che ci lega e che ci allontana. Questo mare è lo stesso mare di Genova è il mare nostrum. Cioè mio, la mia terra, in fondo, benchè lontanissima ma vicina ed accogliente mentre s'apriva all'acqua ed alle sue imbarcazioni. Penso che è per questo che gli isolani hanno quel piglio selvatico e diffidente ed il comportamento altero : sanno d'essere in una terra completamente vulnerabile all'invasione da parte di tutto ciò che arriva dal mare. L'assenza di frontiere rende frontiera la terra stessa . La fa vivere perennemente sulla difensiva. Cerca una corazza nei modi e nei costumi.

Giardini Naxos : è solo una tappa. La prima impressione: rispecchia l'Italia di oggi con la sua confusione , la sua tracotanza, la sua ostentazione, la sua falsa opulenza, i suoi rifiuti in eccedenza ma ai quali siamo ormai abituati. Quasi di contorno a locali di gran classe. Sorseggi il drink ad un metro da una montagna di sacchetti di spazzatura.
Domani via via. Non fa per me. Domani ultima tappa: Capo Passero.
Caro diario di bordo ho tanta malinconia. Sono straniera e sorella di ogni luogo ed da ogni luogo vorrei allontanarmi; credo che finirò per bruciarti in un camino come facevano le nostre nonne : peccato per i tuoi cristalli liquidi.

11 commenti:

Bruno ha detto...

betata te...io devo tenere duro ancora oggi ...buona continuazione

sileno ha detto...

Molto bello questo post, venato di malinconia e speranza.
Ti auguro un viaggio felice ...e privo di contrattempi.
Sileno

gillipixel ha detto...

E' il destino dell'essere umani, Antonella: in fondo in fondo, alberga in noi costantemente questa sensazione sfumata, stando alla quale si desiderebbe sempre trovarsi in un "altrove", sia fisico che spirituale...
Questo è il gioco e queste le sue regole :-)

enzorasi ha detto...

Visita Vendicari e l'oasi faunistica annessa; in un pomeriggio sul far della sera vai al castello di Donnafugata ( 20 Km ca da S. Croce Camerina,; visita la lunga e ventosa spiaggia di Isola delle Correnti, più a sud di così non puoi andare. Se puoi vai anche a Scicli e a Noto. Se ci riesci guarda il mondo dall'isola, assaporane la metafisica mentre sorbisci un gelato sulla piazza di Avola; mancano ancora tanti tasselli al tuo mosaico...se vuoi lascia un segno qui sui tuoi post ed io cercherò di "indirizzarti"se lo gradisci. Comunque alcune cose dei siciliani finalmente le hai capite e bene. Buona vacanza.

rosy ha detto...

Ciao bella isolana, anche se di passaggio...divertiti e facci vedere belle foto.
Un bacione.

Antonella ha detto...

Ma io Bruno, torno il 16 e tu sarai in giro, immagino

Antonella ha detto...

Grazie Sileno, è vero: non sono poi allegrissima anche se in ferie

Antonella ha detto...

gillipixel sei tornato , allora. sei stato via poco.

Antonella ha detto...

gillipixel sei tornato , allora. sei stato via poco.

Antonella ha detto...

oh Enzo, grazie davvero. sono andata a noto oggi. Metterò le foto è bellissima. Poi ora sono nella punta estrema dell'Italia. mi piace moltissimo

gillipixel ha detto...

sì, Antonella, ho fatto in viaggetto di pochi giorni...molto belli i posti che stai vedendo :-)