lunedì 11 settembre 2017

LEI SCRIVEVA





Caro, 
oggi è una giornata buia per me . Se  esistesse  una parola che potesse descrivere   qualcosa di più scuro del buio sarebbe oggi il caso di usarla. Soffro per te perchè ti sento somigliante a me,  non solo putroppo nelle  difficoltà che nascondiamo o  nei difetti che cerchiamo di far passare per qualità con un lavoro di parole anche convincenti, ma soprattutto per la  sensibilità che ci tormenta e ci spreme ferocemente. 

Noi ci illudiamo  un po' di servirci degli altri.  conservando la convinzione di essere in una posizione privilegiata,  perchè  ci pare di essere più intelligenti, più esperti, più forti. 
Invece siamo infinitamente più deboli perchè bisognosi.  Abbiamo bisogno di amore , di relazioni,  di essere riconosciuti, gratificati.   Non  vogliamo essere invisibili.
  Personalmente cerco sempre delle conferme ( che riconosco precarie e mistificatorie ) dell'apprezzamento degli altri.
Arrivo al punto di mortificarmi se quando entro in un bar o in una stanza non succede che gli avventori si girino a guardarmi Capisci.                                      
Ho bisogno di tutto perchè non ho nulla. 
Cioè non ho nulla  di quello che voglio. Quello che voglio  ( devo riconoscerlo ci sto pensando da parecchio) sono solo  gratificazioni. Forse il tuo ricordo di questa donna è doloroso non per la donna  stessa ma perchè ora entri e non trovi  gli sguardi che vuoi, il richiamo che vuoi.La passione che credi di meritare.
I fatti, alla fine sono meschini e disonorevoli e la vita non è che un mitizzare degli attimi che non  ricordiamo veramente nella  loro interezza.
Ma  te lo dico perchè forse, forse... forse  questo nostro dolore e questo nostro rimestare non ha lo spessore reale  che gli vogliamo dare . Dovremo,  carissimo , dovremo andare oltre e ripulire la nostra giacca di  tutte queste polverose elucubrazioni .
Quando mi osservo  agire come una  appassionta  ed indulgente servetta,    ho una gran pena per me  e un grande dolore per quello che penso e sento. 
Dei giorni, come oggi, vorrei  avere altri pensieri. vorrei avere intrapreso un altro viaggio. Più in alto.  vorrei non avere il peso di   questo incedere inopportuno  che tuttora  mi identifica  , perchè le mie condizioni psicologiche sono le stesse. 
Non sto migliorando.
 E questi momenti di desiderio di rinascita sono solo delle piccole sceneggiate che recito a mio uso e consumo. Domani sarò ancora qua , avendone l'occasione, a rimestare storie  e sentimenti non autentici. Questo forse è il  crimine più grande, più di ciò che vado facendo ,  ossia   non crederci. O peggio ancora avere una intenzione opposta a quella che rivendico 
   Riconosco che  il sentimento che mi muove non è nobile. Lo so, non perchè lo sento ora , ma perchè nella mia vita ho sempre  smaniato in nome della grande passione che si dileguava al sorgere di  una nuova necessità impellente.
      Tu  parli di collaborazione con  N....... . ma  caro, la collaborazione e un altra cosa. tu inserisci un testo di Toltoj in un guazzabuglio di indicazioni da agenda  di economia domestica e in un ricettario di  ricette di vita di una massaia cantonese.  Collaborazione su un testo letterario è condivisione . Scrivere a quattro mani una storia all'unisono di sangue e di carne.
OSSIA ben  Altro. Io capisco il tuo bisogno di conferme di attenzioni di voglia di esserci, di visibilità. Ma non è questo il nostro modo. Io ti comprendo. Sono contenta di parlarti.
 Trovarti  è stato un dono.
      Non perchè sei un uomo fantastico, ma perchè la tua ombra maligna è piena di  quella passione e di quel  dolore che mi appartiene-   
Io non collaboro mai. Perchè sono troppo diversa ,  voglio solo inglobare , nutrirmi. ..  Oppure Perdermi.
      Forse non so bene , forse mi inganno. Ma  non voglio lasciarti andare. Voglio avvicinarmi. Io ti vedo e per me non sei invisibile. e posso  capirti.     
Intanto Scrivimi e stammi vicino

1 commento:

StregaBugiarda ha detto...

Meravigliosa e umana anima.
Bellissimo scritto, sapersi denudare così significa anche rivestirsi nella giusta maniera.