mercoledì 5 marzo 2014

LA DEMOCRAZIA SCENEGGIATA

ah, se mi leggete stasera, mi dovete prendere così. 
 Amareggiata.
Quando cominci ad interessarti di politica smetti di interessarti del territorio.
 Della città.
Sembra che lo scopo primario non sia lavorare ma convincere che lavorerai. 
O ancora meglio: convincere che sarai fruttuoso per chi vuole raggiungere un qualche obbiettivo.
A forza di parlare esci fuori dal mondo e cominci a preoccuparti di quello che pensano e fanno altri che poi è niente davvero, ma intanto il tempo passa. 
Non sei nel mondo.  
Ho avuto un pensiero molto illuminate ed è questo: La persona intelligente che fa politica passa il tempo ad ascoltare persone stupide e le persone stupide che fanno politica occupano i posti di rilievo.
Ve l'immaginate? Uno parla, parla e l'altro raccoglie  senza rumore, con la testa bassa vivendo di comparsate, di presenze silenziose, ma ubbidienti o, almeno, consenzienti. 
Il tempo scorre, passa velocemente. Ti pare di avere detto qualcosa di importante invece hai perso tempo : i giochi già fatti, gli accordi invisibili. 
Se mi leggete, prendetemi come sono.  Guerriera. 


4 commenti:

Anonimo ha detto...

in linea generale è cosi quando si aspira alla poltrona...ci sono invece certi comuni che funzionano perchè hanno a cuore la città e le persone e quindi s'impegnano molto perchè tutto funzioni..
jole

Antonella ha detto...

lo pensavo anch'io e voglio voglio pensarlo ancora. lotto per questo.

vitaedamore ha detto...

Non sei nel mondo ....

Antonella ha detto...

vero caro vita ed amore