giovedì 12 luglio 2012

QUANDO LA DAI E' ANCORA PIU' TUA



Non sono affatto convinta che noi  uomini  facciamo parte di un organigramma dove i  passi sono già predisposti su  precisi percorsi. 
Noi siamo in questa società non per far sì  che scorra uguale a se stessa, non per conformarci alle regole che la muove, ma diciamolo, via! Per favore,diciamolo:



  NOI SIAMO AL MONDO PER AGGIUNGERE UN TASSELLO  CREATIVO , FUNZIONALE E PER QUESTO ESSENZIALE ALL'EVOLUZIONE ED ALLA CRESCITA DELL'UMANITA'. 


E questo lo dico anche, massì, facciamo del bieco personalismo lo dico al nostro Sindaco del Comune di Valenza.  ( che male c'è?Voglio toccare il cuore, voglio toccare il cuore di quest'uomo, ma più particolarmente voglio toccare la sua consapevolezza d'essere lui , qui ed adesso, quel  piccolo granello che si posa nel grande gioco della costruzione di se' e della comunità a cui appartiene) .
Lui mi ha dato la sua parola.  Comprendete. Ho detto tutto. Vogliamo essere uomini del " fare"?
 Non ci sono solo le grandi battaglie sui campi sterminati del Texas. 
Ci sono  quelle che si chiamano " azioni"  ed è un termine nobile e risoluto. 
Le azioni  sono  atti dettati dal proprio giudizio spassionato, ponderato e magari sofferto. 
E poi ci sono le conform - azioni che sono quelle azioni obbligate dall'apparato che ha  come unico scopo  solo quello di  preservarsi.   
Gli scopi di questi gesti non nascono dalla autodeterminazione della coscienza, ma si spingono per inerzia là dove devono andare perchè è stato già deciso prima che nascessero. 
Ed allora chiedo al nostro Sindaco  del Comune di Valenza,  in provincia di Alessandria , Sergio Cassano:  
"Sindaco,  il ruolo prezioso e valoroso  che ha il privilegio di  coprire le permette di lavorare e non eseguire, scegliere e non  adattarsi.  

Mantenere la propria parola per tenersela stretta al proprio cuore  proprio quando si sta indossando  quella veste autorevole, vuol dire appropriarsi per sempre di ciò che "la propria parola" rappresenta ossia un azione intrepida, autorevole e libera. "

Il titolo = solo una genialata per attirare la vostra attenzione

2 commenti:

un tuo lettore ha detto...

Parole veramente pesate le tue, che richiamano la storia italica ed alla mente un poesia di Giuseppe Giusti, studiata durante la scuola dell’obbligo: il Re Travicello.

Diego ha detto...

ho letto l'articolo su radiogold sei 1 a 1...palla al centro