giovedì 1 marzo 2012

COM'E' PROFONDO IL MARE




Ho tanti argomenti  tra le mani che potrei divenire acqua che tracima, oceano che allaga  intere latitudini. Sono un globo ruotante  con l'ansia di scuotere gli oceani che mi abitano. Eppure mi contengo.   Non è tempo ,ora , per essere uno tra i milioni di oratori, sostenitori di verità, divulgatori di certezze inalienabili. I fatti parlano da soli : dobbiamo vederli . E per vederli intendo proprio smetterla di pensare e porre l'attenzione esclusiva ed  essenziale sulle cose . 
I fatti si rivelano agli occhi  spontaneamente . Non dobbiamo cercarli o interpretarli. Sono lì. Ci  cadono tra le braccia come fasci di fiori lanciati dai balconi.  Una cosa ben fatta non ha bisogno d'essere magnificata. Una cosa ben fatta non ha bisogno di essere richiamata alla memoria , ma rimane scolpita nella mente pronta a sgusciare fuori per  dare serenità all'anima.   Una cosa ben fatta non ha bisogno  d'essere resa illustre. Una  azione funzionale emana  grandezza intorno a se' e tutti ne subiscono il fascino naturalmente.. Diffidiamo quindi delle parole di trionfo e di gloria.
Oh, lo so, voi dite che la situazione è triste, e viene voglia di lasciarci incantare da un qualsiasi cantastorie che ci permetta di allontanarci dalla realtà opprimente. Capisco.  Ma non sarà così che potremo uscirne.  Dobbiamo vedere la ferita  spassionatamente per trasformarla in feritoia. Sta  a  noi lavorare.  Sta a noi partecipare alla costruzione dei fatti. e se non vanno bene dobbiamo avere l'umiltà di  disfarli e riprovare ancora.         
Il danno peggiore  sarebbe  immaginare una soluzione che non guarisce , una speranza che non aiuta, una energia che non costruisce., una operazione che non funziona.

1 commento:

Gillipixel ha detto...

Anto, questo tuo piccolo brano è come stare in piedi su uno strapiombo alpino, 700 metri di vuoto sotto, respirando un'aria così pura e cristallina che allarga i polmoni alla stessa misura della vallata sottostante :-)

Certe volte si sente quasi che tutto è stato detto, il dire si fa superfluamente pedantesco, e il desiderio di identificarsi con le cose e con i fatti, esclusivamente, è la sola necessità che ci resta...

Molto bello...
Bacini cristallini :-)