giovedì 29 dicembre 2011

IL DOLORE E' UN INCARNATO ROSA




"L'altro", si sa, ci abita intimamente.
 In tutti noi c'è più o meno consapevolmente una follia sopita, una coscienza del "non senso"  che siamo ed, ancora di più,  un dolore, o meglio, un affanno misterioso che quotidianamente ricacciamo nell'abisso da cui siamo giunti e sicuramente torneremo. L'altro, allora, diviene tutto questo: diventa la  minaccia di una disperazione  IMMINENTE  che può  sorgere all'improvviso quale fuoco mortale di un vulcano dormiente.  "L'altro" è la parte lacerata di noi  trasformata in una cicatrice all'apparenza  insensibile . Eppure sappiamo che potrebbe bastare poco per farla ancora sanguinare e, così, per  sconvolgere definitivamente  la nostra vita attraverso  il fascino distruttivo dello sconforto. 
 Sembra, l'esistenza, un costante armeggiare tra la distanza che separa la serenità, quale ragione d'essere,    dal dolore , che stronca ogni respiro.  Così che, se per distrazione poniamo un piede in fallo, ecco che il dolore ci agguanta e ci trascina tra i suoi antri tenebrosi e crudeli. Ed anche se, a volte la strada pare ammorbidita e lieve, si scorge ugualmente, in lontananza, la voce profonda e seduttiva  della follia, quale stagione inevitabile.

Ieri ho incontrato " l'altro."  Aveva le sembianze di una donna . Era entrata, come tutte,  nel locale dove si attendeva per farsi acconciare i capelli. 
Era entrata come tutte, ma subito per me , fu diversa.. Diverso il passo leggero, il modo in cui si tolse la pelliccia, diverso  il suo look  bianco, casual e giovane.  Aveva lunghi capelli nerissimi, il viso rosato e le labbra  rosse scarlatto. Non mi ingannò neppure un attimo: dietro le parvenze di donna sicura e determinata traspariva forte e tangibile la sua disperazione. Ci guardammo per un istante e le sorrisi  intenzionalmente.  Quindi distolsi lo  sguardo: la buona creanza vuole che non ci si soffermi troppo su una sconosciuta e così feci. 
Ma lei, che era diversa, mi disse: " Come è bella, lei 
Anch'io, allora,  mi liberai, subito,  dei modi formali  e replicai : " Lo stesso  avrei detto di lei. L'ho guardata . Appena entrata ho notato lo stile" 
Davvero? " La sua domanda mi piacque molto. In pochi istanti andammo sul personale. Non stava bene, mi disse, soffriva di depressione. E io le raccontai della mia adolescenza. Di mio padre. 
Finimmo per parlare di capelli.
 Io, così , decisi di  tingermi i capelli  di nero  e lei chiese di farsi bionda.
 La  coiffeur a lei  non  lo permise.



Quando ci lasciammo, lei venne da me e ci stringemmo la mano. Basta. Non successe altro.  Ma sentivo d'avere incontrato il mio dolore incarnato nello sguardo di lei  e d'averlo trattenuto un po'  tra le mie  mani. 

4 commenti:

Gillipixel ha detto...

Bellissimo, Anto :-) l'inferno sono gli altri, diceva Sartre, ma forse partire così di botto, findandosi di un tristone come lui, non è il massimo :-)
Gli altri di fatto sono la nostra delizia e il nostro tormento...non possiamo vivere senza confronto, non avremmo senso nemmeno come individui...cerchiamo di continuo l'approvazione e spesso detestiamo volentieri gli altri :-)

Quando scrivi queste cose, poi, leggendo, sembra di addentrarsi in una foresta di mistero, dove vertiginosi significati ci vengono fatti intravedere nella penombra...molto bello...è strano poi vederti coi capelli neri :-)

Bacini mori :-)

Antonella ha detto...

Gilli, hai ragione: in ogni storia c'è tanto altro poichè noi siamo pulsioni che come dice Freud non sono istinti animali, ma spinte esclusive del genere umano che è fatto di anima e corpo e con questo si rappresenta in tutte le sue manifestazioni.
Mora per poco: un mesetto di sperimentazioni.
Baci in tinta

Gillipixel ha detto...

Ogni aspetto della vita più affascinante, nasconde un paradosso: cerchiamo l'affermazione individuale, ma non la possiamo vedere che attraverso gli altri :-) Lo stesso accade fra spiritualità ed animalità: nessuna delle due avrebbe il fascino e la potenza significativa che possiede, senza il contrasto dell'altra :-)

Spero di vedere però qualche altra bella foto in versione Anto mora :-)

Bacini dalla pettinatrice :-)

Anonimo ha detto...

nera... puah!!!!