giovedì 17 novembre 2011

IL LOGO COMUNE


Poi non ditemi che sono monotona. E' Cuor di Leone che lo è, mica io. Lui non sa nulla di comunicazione. Crede che sia fatta di manifesti attaccati  a casaccio appena c'è uno spazio libero. Crede che la comunicazione  efficace si risolva in una mera distribuzione amministrativa di loghi istituzionali  che hanno in loro stessi  una capacità quasi demiurgica di raccontare tutto di ciò che avviene. Anzi: ancora peggio. Un  solo logo ,  per lui, racconta l'evento e ne realizza il successo.  Ci starebbe anche questa cosa, se  la comunicazione si limitasse alla stampa di una locandina promozionale . Ok, ci piazzi il logo ed almeno ti dice da dove proviene il progetto.  ma non  funziona così se si tratta di un magazine di informazione. Questo segue tutti altri criteri,  australopiteco che non sei altro.  Il pover'uomo infatti,  non ha ancora realizzato che la comunicazione si serve di molteplici strumenti e che a seconda delle modalità utilizzate per presentare una notizia si deve modificare la forma  di comunicazione. Macchè: a lui vent'anni fa, durante una pausa caffè nell'archivio storico,  gli hanno parlato di stemmi e gonfaloni  e da allora s'è convinto che sono gli unici mezzi per  comunicare un servizio, un  progetto, una idea.   E' convinto, Cuor di Leone, che per essere attendibile, per essere autorevole, per essere piacente basta  presentarsi con un tesserino di riconoscimento come fossimo una squadra addetta alla perquisizione. Insomma, l'illusione che un logo ti apra  tutte le porte del successo è dura a morire. Dolce, lui. Dopo tanti anni  passati ad  apporre i loghi  a difesa del suo operato è riuscito, invece, solo a screditarlo, il logo,  perchè  lo ha coinvolto in questa sua  ormai irrimediabile incapacità di progettare un evento funzionale.
Il logo è sempre stato per lui  come uno scudo dietro il quale nascondere la propria incapacità, per affermare un'esistenza che è invece solo apparenza. Una esistenza  costellata di eventi fallimentari da parte sua , disertati, ignorati dai più a differenza dei nostri, vivaci, assertivi e con grande affluenza di pubblico. Questo lo fa andare in bestia un giorno sì e l'altro pure.
E cosa fa allora Cuor di Leone?  Va a  rovistare tra i nostri lavori, come un  maleodorante ratto peloso di fogna  e cancella, corregge,  chiede loghi, riconoscimenti, visibilità, trascinando , Cuor di Leone, in questa sua ostinata recriminazione,  anche una povera signora anziana, a due passi dalla pensione, che non sa e non conosce  la materia che non reagisce di testa ma solo di pancia  e non capisce una emerita mazza,   tanto che  la malpancista addolorata finisce che telefona  parla,  blocca i servizi , in una parola: piscia fuori dal vaso chiedendo loghi, loghi, loghi come il popolo chiedeva il pane nei periodi di carestia.
Così che il Cuor di Leone s'è sentito difeso e garantito  e lei, invece s'è sentita dire dal Sindaco un bel no, secco. 
Per fortuna, infatti,   il nostro Sindaco , per nulla ammaliato da segni che non abbiano in se' una credibilità effettiva, il nostro Sindaco, appunto, non s'è fatto ingannare e li ha stoppati entrambi. Niente loghi, baby, fattene una ragione ma tu continua ad appiccicarli in giro come figurine dei bambini.  ma ricordati:  successo non te ne hanno  mai portato ed un motivo ci sarà no?E tu , vecchia mia, continua  pure  per i tuoi prossimi nove mesi , a sbracciarti per toglierci  attendibilità che tanto per ora siamo tre a  zero per noi. E palla al centro.
Che volete che vi dica.....abbiamo avuto fortuna ad avere questo Sindaco , un culo davvero. E perdonate il logo comune. ma quando ci vuole, ci vuole.


 Il disegno è di Sergio Cassano

5 commenti:

Gillipixel ha detto...

Anche non conoscendo bene i termini delle vicende, si legge come un racconto avvincente...ci sono belle invenzioni narrative, che fanno gustare il testo...brava Anto...

Questa mitizzazione dell'immagine è una magagna mentale tipica della nostra epoca...in realtà, forma e sostanza si nutrono a vicenda, e nella migliore delle ipotesi, quando si armonizzano al meglio, danno vita alle cose migliori...solo con la vuota forma però, non si va da nessuna parte...

se mi passi la battuta un po' da caserma, così adesso finalmente puoi anche mandarlo affanlogo :-)

Antonella ha detto...

bella affanlogo. credo che lo utilizzerò

Gillipixel ha detto...

Ti concedo senz'altro i diritti d'autore, Anto :-) vengono via anche ad un prezzo modico: due bacini virtuali :-) specificati come meglio credi :-)

Antonella ha detto...

Pciù, pciù= bacini virtuali, ma se mai risalissi il Po potresti trovarne di reali :-)

Gillipixel ha detto...

Eheheheh :-) chissà, un giorno forse...sarebbe bello :-) grazie...ti rilascio la regolare fattura, non si sa mai, di questi tempi :-) e la timbro con tre bacini fiscali di ritorno :-)