domenica 9 ottobre 2011

L'APPUNTAMENTO


La prima volta che l'ho visto  stava attraversando il corso principale della città. 
Era un bel po' di anni fa, forse venti.
Io, che transitavo dalla parte opposta del marciapiede, ricordo che mi ero voltata per seguire, con lo sguardo, la bella  figura che s'allontanava.
Avevo chiesto a chi mi accompagnava chi mai fosse stato quel giovane magro e barbuto che aveva attirato la mia attenzione. Mi raccontarono di lui e , tutto ciò che seppi,  fu  soprattutto  in quell'occasione.
Da allora le nostre strade si incrociarono parecchie volte, ma definite in ruoli talmente rigidi da scoraggiare tentativi di seduzione esplicite da parte mia che un poco spasimavo per lui. 
La mia vita è sempre stata una sperimentazione  ricorrente: una strada dopo l'altra , un confine dopo l'altro , una luce all'orizzonte da raggiungere.
Ho una specie di ossessione tenace che  mi  fa sperare in  un segreto svelato in fondo all'esistenza che pulsa e si rinnova ogni istante.
Cosa eravamo quel tempo? Soprattutto giovanissimi. Mi pare d'avere ancora la stessa inquietudine, ma è solo l'inganno dello spirito che rinnova le sue illusioni. Perchè noi siamo altro. 
Lui, incontrandolo recentemente, mi si offre quale riscatto di un desiderio giovanile che  costruisco a fatica. 
Ero io , certamente,  ma  dove mi ha portato la ricerca silenziosa di questa esistenza ? In che modo ho delineato la mia umanità allora inerte ed indifesa ed ora  rinnovata nella corsa e nella speranza? ma ancora di più come accomunare la conquista delle rivelazioni della mia nuova anima in relazione al rapporto tangibile ed indiscutibile col mondo esterno  che c'era e c'è ancora   e che ha raccolto  nella corsa anche  il viaggio solitario e profondo dei  miei passi stranieri?
Ero io , era lui , come lo ricordavo , ma il silenzio che ci aveva seguito da allora aveva un corpo nuovo, una storia vagheggiata e compiuta.
Per lui avevo una tenerezza di genitore stanco. Per lui avevo  quel silenzio familiare  che nasconde le  risposte  gravi. Per lui avrei avuto sempre  quella vicinanza fraterna che addolcisce i patimenti condivisi.
Per lui avrei avuto quell'amore profondo che ci lega  all'idea della vita una volta smarrita.
Lui mi ha chiesto un appuntamento e io non ho fatto fatica ad accettarlo.
Eppure, allontanandomi impacciata e silenziosa ,  sapevo che quell'appuntamento, ormai, entrambi lo avevamo mancato.


5 commenti:

Gillipixel ha detto...

Anto, quando scrivi queste cose sembra di stare dinnanzi ad un mistero impenetrabile, ma nel contempo illuminato in ogni suo minimo dettaglio da potentissimi raggi di sole, accecanti...un po' come in queste stupende giornate di anomalo ottobre...

Bacini abbacinanti :-)

Paolo ha detto...

Mi associo a quanto detto da Gillipixel.
Antonella scrivi da far mancare il respiro, perchè con i tuoi pensieri, le tue sensazioni, i tuoi ricordi scandagli a fondo la vita regalandoci spunti unici ed originali... sei ispirata e profonda, che spesso occorre rileggerti attentamente in ogni tuo passo, pesare il significato di ogni tua singola parola in quel dato contesto, lasciandoci di stucco!
Non è la prima volta che accade, soprattutto non intendo esprimerti lo stupore dell'inatteso, che di per se potrebbe offenderti; ma l'incanto del tuo raccontare, che avvolge e scalda chi legge.

Un Bacione
Antonellona;-D

Strega Bugiarda ha detto...

Grazie per l'Add, è gradevolissimo leggerti, ritornerò presto a curiosare in casa tua... intanto un sorriso
Gingi

rosy ha detto...

Semptre accattivanti i tuoi post.cara Antonellina..ti lascio un bacio e un sorriso.

Antonella ha detto...

ciao a tutti, sono ripiombata un po' in cose di lavoro. peccato però