domenica 9 gennaio 2011

IL TUO VIAGGIO


Non sono stata io per prima a salpare verso mari sconosciuti , ad aprire varchi nell'oceano burrascoso ed oscuro , senza cedere alle esortazioni che volevano arrestarmi e condurmi a lidi più quieti?

Allora il fuoco aveva lasciato alle mie spalle, inevitabilmente, una vasta terra bruciata .

Non sarebbe stato possibile presupporre un impeto glorioso senza lo sterminio di antichi guerrieri, vecchie strade, di boschi fitti ed aggrovigliati, di sterpaglie inutili.

Ho attraversato templi e castelli sacri in un cammino di solitudine e speranze.

Col tempo, Il fuoco aveva cicatrizzato e cauterizzato le mie ferite. Sembrava che il vento fosse calato.
Ma , non sapevo che una nuova energia misteriosa e straniera mi stava per travolgere.
Non mi appartiene e non mi riguarda. E' tua.

Nessuno può udire la voce che , ora, ti chiama.

Nessuno può vedere il fuoco che, ora, ti scuote.

E' un altro oceano e non mi piace affatto.
Ma quale diritto ho di arrestare la potenza del calore che sprigiona la tua anima?

Sarò la terra bruciata che ti lascerai dietro. Sarò un richiamo impercettibile fatto di immagini ricorrenti, ma mute. Sarò la sagoma inerte che lascerai sul molo .

Non voglio essere altro, in verità. Non posso, d'altronde. Non ne avrei neppure il tempo , presa come sono ad accogliere il mio demone che crepita nelle viscere palpitanti ed indomite. Ognuno ha la propria sirena che canta nel cuore, in solitudine si percepisce il suo anelito giocoso.

2 commenti:

Antonio Mariani ha detto...

Forte ed emozionante la tua maniera di scrivere.
ciao

Gillipixel ha detto...

Evocativo, misterioso e misterico, Anto :-) leggendo mi sono venute alla mente mille trame di romanzi d'avventura e amore, di passione ed attrazione inevitabile fra individui dalla grande nobiltà d'animo e dal temperamento ribollente :-)...
E' sempre bello leggere le tue cose :-)

Bacini corsari :-)