martedì 30 novembre 2010

UN POST/UPIDO


E' così, credetemi: alla fine di una giornata densa di scene inenarrabili ( soprattutto per la mediocrità delle comparse e la scandalosa pretenziosità gerarchica delle dinamiche relazionali venutesi a creare) si raggiunge almeno qualche consapevolezza:
che non ha senso chiedere ad una pettinatrice se per caso hai bisogno di un nuovo taglio di capelli, ( a proposito. bel taglio il mio, no?)
che non si chiede mai ad un commerciante se ha fatto un buon prezzo,
che non devo chiedermi nemmmeno se chi prende il triplo del mio stipendio ha per caso il triplo della mia intelligenza o invece ne ha un terzo.
ma soprattutto mi sono rassegnata davanti ad una grande verità:
È difficile volare con le aquile quando lavori coi tacchini.
adesso chiedetemi perchè ci sono tanti tacchini e pochissime aquile : questa è facile.
Se sei già sul pavimento non puoi cadere.

e la paura di cadere è più forte della voglia di elevarsi.
Per questo.

3 commenti:

Gillipixel ha detto...

Sarebbe già qualcosa, cara Anto, se ciascuno svolgesse la sua parte nella vita, consapevole del proprio valore...invece c'è pieno di tacchini che pretendono di sfiorare in volo le vette delle Alpi, mentre tante aquile sono costrette dagli eventi alle basse quote...
Mi è piaciuto un dettaglio linguistico fra le tue parole, che mi è suonato tanto familiare: la "pettinatrice" :-) bello...
Bacini tripli :-)

Antonella ha detto...

anche voi dite " pettinatrice" ? ma siamo tutti della pianura padana...

Gillipixel ha detto...

Sì, sì, Anto, anche qui si dice pettinatrice :-) io mi definirei piuttosto un padanoide :-) ma parlo per me...
Bello il nuovo sottotitolo del blog, "Post / Azione Mobile", un gioco di parole pluridirezionale...forte :-)
Bacini mobili :-)