mercoledì 4 agosto 2010

TRA TERRA E CIELO


Mi sto sviluppando come un microrganismo pulsante. ero una e mi sto moltiplicando. Mi dilato e mi centuplico come un virus misterioso. Mille pezzettini di me si addentrano in sentieri tortuosi, in vicoli strettissimi ed altri invece si allungano su ampie distese interminabili. Sono qui, ma non solo. Non posso permettermi di finirmi, di limitarmi. non posso ubbidire al costume ordinario che dice: " Non qui " Non adesso" " non così distante" " non così audacemente"
Invece mi spingo, mi allargo, mi trasfiguro ora in quella corteccia dura ed elastica, ora in quell'arbusto di rosmarino profumato di pioggia. Piove, infatti. Ed io sono goccia nell'acqua leggera di questa estate miracolosa.

4 commenti:

Antonella ha detto...

Per Piero: carissimo, sei la dimostrazione vivente di come l'età che avanza non distrugge la parte infantile di noi, ma non posso per rispetto a chi legge darti così forte rilievo nel mio blog. Ma se ci tieni tanto a comunicare con me scrivimi delle mail, così non turbi la quiete pubblica e ti puoi scaricare come ti pare (non ti basta più irretire le vecchiette frustrate del web? vuoi l'umanità intera ? ) : tu sai che non ho remore in questo senso. Invece, toglierò tutte le tue esternazioni perchè sono una e centomila donne scorrette ed altro ancora. Bye

Fabio ha detto...

Apperò... allora è vero che sei tantaaaaa...

Brigante ha detto...

Anche qui da me piove che dio la manda, ma sono in città e le ferie devo ancora iniziarle. Dove sei di preciso?

Antonella ha detto...

Toscana