mercoledì 19 maggio 2010

ARMA LETALE

Questo è un post, come si dice, di servizio. Non scrivo ciò che leggerete per farmi compatire o cosa, ma soprattutto perchè possa servire al grande pubblico ( e questo è un segno della mia modestia) Insomma, in questi giorni non ho scritto e non ho visitato i blog perchè sono stata molto male. O meglio: mi sono occupata quasi esclusivamente della mia malattia e delle terapie più adatte per debellarla.

Malgrado sia stata malata ( ed ancora oggi mi sento molto fiacca) ho continuato a lavorare apparentemente allo stesso modo, ma vi assicuro, che il mondo di sempre, acquista un valore molto diverso: le cose hanno meno significato e spesso diventano ridicole. Sei così preso dallo studiare la tua malattia, da cercare conferme sulla tua diagnosi ( devo anche precisare che la diagnosi me la sono fatta da sola e questo per me è un punto di orgoglio) e da individuare la giusta terapia che tutto il resto non solo passa in secondo piano, ma viene proprio trasferito ad altro livello.

In questi giorni , per esempio, ho ricevuto una lettera di una fastidiosa persona . Questa lettera era molto confusa, ma devo dire che quello che più vi ho rilevato è stato un grande livore ed una grande rabbia verso di me che vi assicuro non merito tanta attenzione.

Non fossi stata nella bolla densa della mia malattia, che mi attutiva tutto intorno, forse mi sarei inquietata un poco. Ho pensato invece: " A questo tipo le cose in famiglia non devono andare affatto bene" Perchè è lì, in famiglia, con la persona che si ama , è soprattutto lì che i sentimenti prendono corpo e si propagano in tutto ciò che fai. Leggere una lettera di tal fatta in un momento così sobrio della mia vita mi ha reso il suo mittente patetico ed inopportuno. e questo " FANCULO" è per lui, quando lo legge.

Insomma, per tornare alla mia malattia: mi sono diagnosticata gli ossiuri.

Non è facile diagnosticare di avere gli ossiuri perchè questi infidi vermetti possono rimanere nel tuo intestino per mesi e poi cominciare a diventare ospiti sgraditi mangiando tutte le tue vettovaglie e creandotiu non pochi problemi di salute. Non si sa bene come si fanno a prendere perchè le uova sono nell'aria e/o nei bagni pubblici o chissà dove.

Nella cultura popolare siciliana è ancora consistente che all’origine di molte malattie vi siano o uno scantu o il malocchio o una fattura.Scantu significa spavento, paura improvvisa, ma con questo termine sono indicate anche la susseguente malattia e la terapia relativa. Lu scantu colpisce con maggiore facilità le persone più deboli come i bambini, le donne e i vecchi ma tutti sono soggetti a scantarsi. La malattia che consegue allo scantu è quella dei vermi. Nella concezione popolare del corpo si pensa che tutti abbiamo dei vermi collocati nel basso ventre che risiedono all’interno di un non precisato sacchetto; l’effetto scatenante, lu scantu, fa si che questi vermi escano dal proprio sito naturale attaccando le pareti dello stomaco e che all’interno dello stesso si muovono risalendo, fino ad attaccare la gola; una volta che i vermi arrivano alla gola si può morire per soffocamento. La visione della malattia , in questo caso , pare un pochino esagerata, ma il problema dei vermi è un problema importante e necessita di una diagnosi tempestiva e di una terapia idonea. Il sintomo principale è un prurito anale, ma è molto difficile associare questo disturbo alla presenza dei vermi. Io ci ho messo una decina di giorni.

Per poter diagnosticare la presenza dei germi bisogna fare una cosa poco intellettuale , ma funzionale: ispezionare le feci. Non è difficile individuare la presenza di questi odiosi esseri viventi: sono a forma di chicco di riso e sono bianchi. Il prurito è più intenso la sera quando i vermi /femmina risalgono nell'ano per deporre le uova.

A questo punto si parte subito con la terapia giusta e dopo vari tentativi maldestri vi elenco le mosse giuste da adottare:

Prendere n° 2 pastiglie di VERMOX ( inizialmente avevo cominciato a prenderne una, ma non fatelo, non è sufficiente) . Dopo tre ore circa prendete una purga, in modo da espellere i vermi morti e quelli intontiti.

Eliminare nella vostra dieta: latte, formaggio , latticini in generale ( ai vermi piacciono molto e dato che sono ospiti non invitati non mi sembra il caso di farli sentire a casa loro) se possibile eliminate la pasta e cibatevi di frutta e verdura. Non prendete vitamine che li rendete più forti.

Terapia locale: proctolin o tronotene pomate ( non servono molto finchè sono vivi i vermi) Inserite nella vostra alimentazione l'aglio crudo ( in questi giorni non consiglio a nessuno di baciarmi) e il peperoncino. Personalmente faccio un clistere al giorno : intendo usare ogni arma letale contro di loro e annegarli è una di queste.

In seguito prendere : VERMINIT INTEGRATORE un prodotto a base di pompelmo tre compresse al giorno ai pasti integrandolo anche con dei fermenti lattici probiotici.

Dopo una decina di giorni prendete un altro VERMOX per essere certi che anche i nati successivamente dalle uova non ancora dischiuse possano morire ed AMEN.

Quando sarete certi che questi vermi sono stati debellati iniziate a prendere le vitamine: SUPRADIN E/O BETOTAL.

Perchè tutto questo vi avrà distrutto sia emotivamente che fisicamente.

9 commenti:

Gillipixel ha detto...

Tanti auguri, Anto...rimettiti presto!
Bacini di pronta guarigione, aglieschi non curanti :-)

UIFPW08 ha detto...

Antonella i miei auguri di pronta guarigione, ti riprenderai sicuramente, serena, Un bacio
Maurizio

Anonimo ha detto...

un sincero augurio di rimetterti presto in forma.C.

Andrea ha detto...

Merda, un problema soprattutto che capita ai tra i bambini, mi pare

ombresenzalucesenzaombre ha detto...

Non sto a farti gli auguri di pronta guarigione, e neanche a dirti che anche ,e forse soprattutto una malattia può essere più utile che una vita di benessere. Ma che dopo un lungo periodo che ti seguo, scopro una nuova Antonella, che scende tra i mortali, senza perdere sarcasmo, e grande spirito critico. C'è sempre da imparare.

il giardino di enzo ha detto...

Vai Antonella, mi sembra di capire che la cura ha funzionato e che sei sulla strada giusta.
Sei forte, anzi sette.

Anonimo ha detto...

Culo e camicia, potrebbe essere una causa. I gratacù sono della bacche, forse un decotto era indicato per gli ossiuri. I gratacù sono pure persone che contagiano con i loro ossiuri. Le bacche dei gratacù crescevano in accattivanti siepi. Una tisana di rosa canina non fa mai male. La cura migliore è sempre il Vermox, ottimo anche per la tenia
La Tenia è particolarmente longeva e se non si interviene farmacologicamente o chirurgicamente può vivere fino a 25 anni.
La Tenia dei pesci (Diphillobothrium latum): è tra tutte le tenie la più lunga, dato che può crescere fino ai 30 metri di lunghezza. Viene trasmessa all'uomo con le carni mal cotte del luccio e della trota (ospiti intermedi). Non mangiare sushi e non fare politica con delle tenie è prevenzione.

Antonella ha detto...

Non sto ancora bene e quindi non scrivo, ma vi leggo e vi saluto.

Anonimo ha detto...

Coraggio non abbatterti sono cose che per fortuna si risolvono ancora e sempre in bene. Auguri pronta guarigione