giovedì 18 marzo 2010

ELEZIONI COMUNALI A VALENZA: IL VALORE DELLE ISTITUZIONI


Lo Stato è altro da chi lo governa. E' il punto basilare su cui Vincenzo Cucinotta ha messo l'accento in modo sublime. Ricordiamo che lo Stato è un meccanismo sorretto da Leggi e da Regole che gli permettono l'esistenza in quel modo nobile e prezioso che lo rende forte ed autorevole.
Lo Stato deve essere rispettato. Ci sono uomini che rappresentano lo Stato e sono : gli impiegati, gli avvocati, i militari, i giudici , i dirigenti amministrativi ed oltre. Ognuno non agisce in base al volere del potente di turno, ma in base alle Leggi che regolano ed identificano l'istituzione.
Molte persone , giunte ad una poltrona di comando, sono convinte che lo Stato divenga un'azienda, una specie di società personale e privata da modellare secondo il proprio piacimento. Ma ci sono gli uomini dello Stato che devono tutelare che questo non avvenga: gli impiegati, i giudici, i bidelli, gli insegnanti che non lo devono permettere. ( e questo sia di monito a chi minaccia rappresaglie e si permette di insultare un funzionario dello stato solo perchè esprime la sua opinione)
Chi, per viltà e per il quieto vivere, si adatta a servire il potente e non lo Stato commette un'azione vile e vergognosa. Il potente è stretto dai lacci delle Leggi: a queste deve rispetto, a queste deve il servizio e l'impegno e non viceversa.
Dobbiamo abituarci a questo tipo di cultura. Dobbiamo far cambiare idea a certa gente che con tono perentorio pretende devozione e obbedienza cieca.
Noi cittadini dobbiamo obbedienza alla Legge ed il capo di turno è solo colui che ha il compito di servire la Legge per primo , per sempre, per obbligo.


C'è nel REGOLAMENTO DI DISCIPLINA E CODICE DI COMPORTAMENTO del dipendente pubblico un articolo che così recita:


" Se il dipendente pubblico ritiene che l'ordine sia palesemente illegittimo, il dipendente deve farne rimostranza a chi l'ha impartito, dichiarandone le ragioni; se l'ordine è rinnovato per iscritto ha il dovere di darvi esecuzione. Il dipendente non deve, comunque, eseguire l'ordine quando l'atto sia vietato dalla legge penale o costituisca illecito amministrativo"

Nel "La Repubblica " del 18 marzo 2010 c'è un articolo di Nadia Urbinati.
Dice :
" coloro che si fanno servitori pedestri del capo ignorando la Legge dicendo sempre di sì fanno torto a se' stessi e alle istituzioni perchè è moralmente avvilente spendere la propria vita per rispondere alle esigenze del potente protettore dimenticando il valore dello Stato. Per quanti vantaggi vi siano agli occhi di un uomo dignitoso sono insufficienti a colmare la fatica psicologica di essere sempre al servizio del potente di turno. Ma la loro condizione è ancora più negativa per le istituzioni che loro rappresentano che erano prima di loro e vivranno ancora dopo di loro e che il loro atteggiamento servile infanga..."

Si ricordi colui che si accinge ad operare per il paese: si deve mettere al servizio dello Stato non viceversa.

2 commenti:

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Ti voglio ringraziare, anche se in forte ritardo, della lusinghiera citazione

Antonella ha detto...

Dovere, prof