mercoledì 14 ottobre 2009

BELLA COME L'ODIO


Che io sia un'esibizionista è un dato ormai assodato. Ma cosa esibisco? una realtà fissa ad un istante e che rappresenta una visione cieca di una soggettività in continua trasformazione . Ma non solo: in tutti i casi viene esposta una visuale trasfigurata di ciò che la nostra cultura ci consegna, di ciò che produce la nostra capacità di simulazione. Perchè se solo i nostri pensieri potessero prendere forma e consistenza oltre che nell'atto, ma pure nell'estetica dell'immagine, il viso sarebbe tagliato da smorfie orrende e demoniache, il corpo segnato da cicatrici indelebili, purulente e infette. Saremmo dei mostri.

Confesserò: non posso scrivere in questi giorni di anima, di amore e di morte. il mio spirito è troppo pesante per elevarsi a tal punto. Vi racconto cosa m'è capitato:

Stavo percorrendo un sentiero buio e disagevole. Il mio cuore era inquieto da giorni perchè carico di ricriminazioni, di ingiunzioni di responsabilità agli altri che avevano avuto la colpa della mia sofferenza e del mio martirio.
Fino a quel momento avevo tenuto a bada l'odio che crepitava sommerso nel fondo del mio spirito perchè temevo che se gli avessi dato maggior spazio m'avrebbe straziato il cuore. Quel giorno, invece, mi girai di scatto come se avessi udito dei passi alle mie spalle e lo vidi: oh sì ! Lo vidi. Vidi quel sentimento malevolo d'odio e di rancore assetato che mi fissava attonito. Vidi proprio l'odio che al contatto con la mia anima si eccitò talmente da gonfiarsi ed impennarsi potentemente ( e perdonatemi questa perversa allusione) . Allora , non so se sbagliai, ma decisi di accoglierlo tra le braccia e di dedicarmi a lui come ad un evento miracoloso. Fui come travolta dalla assoluta trasparenza della sua perfidia. Era il male puro e m'aveva presa come il guanto s'avvolge alle dita della mano a tutela del freddo e di qualsiasi contatto esterno.

E' andata così, appunto.
Non ho voluto vincerlo e distrarlo con i miei sogni leggeri che mi avrebbero permesso di elevarmi ancora sopra ed oltre di me. Perchè in ogni caso l'odio sarebbe rimasto sonnacchioso e circospetto all'interno della coltre del mio spirito. Avrebbe consumato a poco a poco la mia esistenza.

Invece è qui. Non potete vederlo e mi meraviglio anch'io guardandomi allo specchio di vedere lo stesso volto docile e lo stesso sorriso indulgente. Eppure sprigiona calore infernale con le sue lingue di fuoco dilaganti.

Ora altri pensieri mi governano. Pensieri malevoli. Altre azioni mi occupano la giornata, sono azioni occulte e rapide : hanno l'aspetto sgradevole dei roditori di quelle città rumorose e sporche che abitano i vicoli dimenticati dall'uomo.
Non li vedete, ma ci sono: forti, veloci, sguiscianti, irresistibilmente velenosi. Possono uccidere.

14 commenti:

Adriano Smaldone ha detto...

Madonna di Pompei è comm e brutt
ma " a ra pigliat sta fotografij??"
ma dv l'hai pres sta fotografia?

arzach ha detto...

tremenda sta foto..anzi no, semplicemente brutta....

Antonella ha detto...

Uè Adrià.. a la pigliat sull' ueb stà guaglioncella !!!

Antonella ha detto...

Arzach, e il testo? ( sublime testo)

Brigante ha detto...

Antonella!!!! vuoi farmi morire di infarto? Apri il blog e ti aspetti foto sensuali e morbide e poi ti viene un colpo!!!Da brrrrrrivido!!!!!!

achab ha detto...

Bello il tuo scritto,buona serata Antonella,complimenti x il tuo fisico,sei molto bella,la foto sotto intendo.

articolo21 ha detto...

La foto è la metafora di quello che stai provando. Guardando il blog mi sono accorto che non è lasciato nulla al caso. I tuoi post sembrano a volte impattanti per la differenza tra immagini e parole. Invece tutto ha un senso, tutto ha una sua armonia specifica. Anche in questo caso è così. Complimenti. Sai veramente esternare le tue sensazioni. Non è cosa da tutti. Ed è anche un bel modo per liberarsi. Fino a dove è possibile, naturalmente. Saluti.

Antonella ha detto...

Eh Brigante, l'hai detto ! hai notato? Mai dare tutto per scontato è un difetto di qualcuno...

Antonella ha detto...

Grazie Achab, per un attimo ho pensato che parlassi di questa foto che è molto forte.

Antonella ha detto...

Articolo 21, infatti hai azzeccato. Perfetto. Sei intuitivo e ti ringrazio per il tuo commento sagace.

Maila ha detto...

Ho capito cosa ha voluto dire: quando si hanno pensieri cattivi sembra che questo possa ripercuotersi sul proprio fisico e che ci trasformi in donne mostruose. la cattiveria ci trasforma, insomma, in donne peggiori. Quando sono arrabbiata con qualcuno mi sembra di avere un aspetto terribile.

UIFPW08 ha detto...

Gradisco meglio un buon caffe.. insieme a te.

Bruno ha detto...

meglio stare alla larga in questi giorni

Pupottina ha detto...

no, è terrificante, ma se ci fanno arrabbiare diventiamo tutte così