martedì 15 settembre 2009

L'UOMO CHE NON HA

Perchè ci sorprendiamo se qualcuno commette atti crudeli? Perchè ci meravigliamo ed anzi, quasi ci pare impossibile che qualcuno trascini una donna dietro un cespuglio e cominci a colpirla sul viso e sul ventre con colpi precisi e netti di mano larga e di dorso robusto e che infine le strappi la gonna e così senza pensiero si slacci i pantaloni ed esegua un atto che ha il canto dei fiori e della poesia e invece lo rende morte, fantasma di orrori e di misfatti sanguinari e di odio inspiegabile e brutale......?
Noi siamo interdetti.
Ma non perchè una persona muore. N0n perchè una persona viene uccisa. Ma perchè in quell'atto molti di noi non trovano l'uomo, non riconoscono il genere umano.
E ne siamo atterriti.
Allora il punto è questo: Ho parlato spesso di anima come di qualcosa all'interno di noi che ci chiama e ci dimensiona. E credo in questo fermamente.
Ma non tutti ce l'hanno.
Avete compreso benissimo.
Non tutti hanno il dono dell'anima.
Non tutti gli esseri umani possono ascoltare il suono profondo dell'essenza divina dentro di noi.
Molte persone hanno il vuoto glaciale del nulla che si rigenera da se' stesso in un senso che non ha senso se non nella trascendenza del vuoto abissale e del respiro malefico.
Chi ha il peso di questa assenza ingombrante cerca di riempirla con i gesti , le parole, le sicurezze dei tratti del volto e del corpo.
Certe volte non ci accorgiamo d'avere a che fare con una persona senz'anima perchè questa parla con toni gentili e con modi affabili. Capita anche che ci innamoriamo dei suoi tratti lievi e della sua apparente vulnerabilità.
Ma dopo un po', attraverso il suo fiato confuso e oscuro (ma solo se stiamo molto attenti ) potremo scorgere la povertà emotiva, l'intelligenza arida, il sorriso vacuo e torvo, lo sguardo abbandonato al nulla. E' lì che alberga il demonio : in questo spazio vacuo e sterile forgiando da questo cunicolo scuro e putrido la figura dell'uomo, diventando una vita confusa tra le genti illuminate e vere.
Allora non dovete soffrire, davvero non soffrite se vi capita di incappare in un volto senza anima, ma abbiate la fermezza d'allontanarvi senza indugio e senza rimpianti.

28 commenti:

sileno ha detto...

Discorso profondo su un istinto bestiale e vigliaccoche disonora tutto il genere umano
Delicato e poetico questo passaggio:
"...un atto che ha il canto dei fiori e della poesia"
Un abbraccio
Sileno

modesty ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Ormoled ha detto...

Senza anima, e senza cervello aggiungerei (anche l'intelligenza non arriverebbe a tanto).
Un bel post, che finisce con un ottimo consiglio: riconoscerli per evitarli. Magari riconoscerli per fermarli prima!
Ciao

UIFPW08 ha detto...

Conosco l'anima così come il cuore.
Spesso hanno entrambi ragione.

Maurone ha detto...

Non riesco a concepire la violenza gratuita come un atto da essere umano, inteso come possibile da parte di un essere umano.. proprio non ci riesco...

luce ha detto...

Gentile Antonella, sono Luce e vengo da Vincenzo di Ideologia verde.
Sono rimasta molto colpita dalla tue parole che sinceramente ho sentito molto vicine a quello che penso su tante cose.
Per quanto riguarda poi le tue parole sull'anima, io invece credo che l'anima abbia un colore: bianco e nero e quelle nere sono quelle che assorbono e non trattengono e quindi fanno scivolare via emozioni, sentimenti, buonsenso a favore del niente di una vita in cui è tutto prendere.
Io sono anche una di quelle che delle anime nere non si fa scrupolo nè di cambiarle nè di frequentarle nè di sopportarle ( ammetto di essere un pò razzista in questo forse), sono già incasinata di mio per preservare la mia di anima da tutto questa disumanità diffusa.
Comunque colplimenti per il tuo scorrere di parole ed emozioni, brava veramente.
Spero di passare presto.
Cordiali saluti.

diego ha detto...

antonella non rispondi + a mail e sms?ti ho fatto qualcosa?

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Ma no, l'anima ce l'hanno, ma quello che manca loro è la capacità di donare. Proprio nel sesso, non conta tanto prendere piacere, ma darlo: in questo dono appunto sta l'estasi: poveretto chi non sa accedere a queste emozioni.

Adriano Smaldone ha detto...

ci sono certe persone che veramente nn hanno anima non si rendono conto di quello che fanno. magari se ne rendono conto dopo ed è proprio qui che e sbagliato rendersene conto dopo. io dico sempre che una persona ad una determinata cosa ci deve pensare sempre prima per verificare le conseguenza o meeglio vedere,verificare, ponderare e dire : se faccio questo che conseguenze mi puo portare??? beh alcune persone tipo me (e non mi vanto assolutamente) prima di agire pensa perche riflette anche alle conseguenze che puo portare quella determinata azione alri no se ne fregano e dicono: facciamo cosi poi quello che succede dopo Dio pensa! io ho capito che Dio pensa a te ma tu dovresti pensare anche un poco a te stesso (non ce l'ho con te autore del blog) è in senso lato, quinddi la miglior cosa da fare prim d agire contare fino a 10 ok?? cio un bacione grande

p.s pero sei lontanuccia da me Alessandria :-)

Inés ha detto...

cara Antonella, il tuo è uno dei post più belli che abbia letto in quest'ultimo periodo. Fai un'analisi così puntuale su "quella" umanità senz'anima e trovo, sia maggiormente doloroso apprendere della comune indifferenza e assuefazione.. ti abbraccio

Antonella ha detto...

tu Sileno, lo chiami istinto bestiale che però è scpnosciuto alle bestie e quindi sento in cuor mio che si tratta di qualcosa di ancora più malefico e potente, qualcosa che ha in se' una traiettoria infernale.

Antonella ha detto...

Senza cervello, in quanto sordi a qualsiasi segno umano sì , in questo senso. e l'invito ad allontanarsi non è un invito al disprezzo ma proprio una necessità di preservarsi dal dolore inevitabile

Antonella ha detto...

maurizio tu chiami anima e cuore ciò che io chiamo richiamo puro e che è la stessa cosa per noi e quindi.. sì l'anima è un indirizzo che ci significa.

Antonella ha detto...

mauro.. la violenza gratuita.. infatti e spesso ha tante forme anche quelle mimetizzate dietro un bel discorso. Anche quelle del raggiro e dell'inganno.

Antonella ha detto...

tu credi che l'anima abbia quindi diverse conformazioni, come dice Luce,ma non spiegherebbe allora certe assenze di sensi di colpa che stanno a rivelare come la colpa sia per certi individui una cosa inesistente. e solo chi non possiede l'anima può essere privo del senso profondo dell'errore, della colpa, dell'espiazione.
mi è capitato di trovarmi in una situazione in cui una persona mi faceva molto male eppure in lui erea presente come una sorte di candore impietoso che non vedeva la violenza e la prepotenza nel suo gesto cioè c'era una totale disconoscenza: solo chi non ha l'anima può avere questa forza.

Antonella ha detto...

Luce, grazie di essere passata e ho capito che distingui due anime. eppure io vedo nell'anima una tale perfezione che non posso riconoscerle il limite dell'oscurità totale, ma solo dell'ombra che la permane ma la incoraggia al bene. Invece sento ed ho visto persone in cui neppure il dubbio trovava una dimora tollerabile. Non c'era posto nel loro abisso. Troppo fondo e diabolico.

Antonella ha detto...

Diego caro, ho avuto un po' di impegni lavorativi fino a tardi, non ho potuto collegarmi a messenger4, nè scrivere che questo post perchè lo sentivo molto in questi giorni. bacio.

Antonella ha detto...

grazie dolcissima Ines, tu senti così perchè magari sei stata ferita come me. e allora dobbiamo allontanarci. Insomma stare meglio. Ti bacio forte.

Antonella ha detto...

@Adriano, tu credi in Dio e questo è sicuramente una difesa ed una forza maggiore rispetto a gente come me che purtroppo non ci crede. Ma credo nell'orrore della malvagità e anche nella bontà di persone straordinarie che invece disconoscono totalmente anche il pensiero di un gesto che potrebbe far soffrire il prossimo.

Antonella ha detto...

Ho voluto postare l'espressione dolce di un viso che più di altri può rappresentare l'assenza di anima come assenza della conoscenza del bene e quindi anche la inconsapevolezza d'essere crudele che rende la malvagità se mai fosse possibile ancora più l'unica conseguenza del suo esistere.

Antonella ha detto...

SCUSATE ANCORA: USO QUESTO SPAZIO PER RISPONDERE A PIERO DATO CHE NON VOGLIO MONOPOLIZZARE CIO' CHE LUI RITIENE IL SUO SPAZIO PRIVATO ED IO INVECE CONSIDERO IL WEB.
caro, se per te rispondere ai commenti vuol dire stressarti allora ti consiglio di fare come Michele Giordano che li ha chiusi. Perchè è vero che il confronto dialettico implica un minimo di impegno e di concentrazione mentale a meno che non si risponda con: è vero o Hai ragione.
Tu su ben due commenti mi hai definito: Sincera, ma solo parzialmente" ed io ti ho voluto far notare come la sincerità è una caratteristica che non ammette all'interno del se' il suo contrario perchè sarebbe una menzogna.Infatti una mezza verità intrisa di bugia è sempre una mancata verità. ma mi andrebbe anche bene se tu motivassi la tua accusa tipo: perchè non hai detto ecc. ecc. oppure hai voluto dire ecc,. ecc
Altro punto: Dici: il tuo commento è disarmonico. Che vuol dire? E' come se io commentando un mio commentatore dicessi : il tuo commento è verde.
Invece se esprimo un giudizio e voglio che tu comprenda la mia comunicazione devo anche motivarlo e giustificarlo solo beninteso se voglio COMUNICARE.
oppure se decido solo di SENTENZIARE ALLORA DICO:
questo è bello
questo è brutto
senza dare tante spiegazioni perchè in fondo lo spazio è mio e se qualche ragazzuola mi vuol seguire bene se no fanculo.

Vittoria A. ha detto...

Hai perfettamente ragione Antonella, non posso aggingere altro. Chi fa queste cose non ha un posto ne' all'interno di se' stesso ne' nel contesto della natura umana e tantomeno nell'universo di cui facciamo parte.

Anonimo ha detto...

"Non tutti gli esseri umani possono ascoltare il suono profondo dell'essenza divina dentro di noi.
Molte persone hanno il vuoto glaciale del nulla che si rigenera da se' stesso in un senso che non ha senso se non nella trascendenza del vuoto abissale e del respiro malefico."
Ma come cazzo scrivi?

ombresenzalucesenzaombre ha detto...

Io penso che dagli uomini e donne , animali e vegetali, e tutta la materia possiede un'anima,certo che però l'anima dell'individuo vive col corpo con le parole, e se un uomo contatta una donna ne cerca sia il corpo che l'anima:bè! a me sembra proprio il contrario di quello che dici, una donna già messa sul piedistalla pretende un dominio assoluto, utilizza un linguaggio che deve essere decifrato,e della sua anima non si vede più niente.Per essere un centro di attrazione potente è lei stessa che attrae la violenza dei più superficiali.

Antonella ha detto...

Ma Poi Vittoria ce li troviamo lo stesso in mezzo a noi e magari non li riconosciamo subito.

Antonella ha detto...

@Michele Giordano dovresti entrare col tuo nome e piantarla di nasconderti. E' molto meglio cercare di insultare diretamente e d'altra parte i tuoi scritti ed il tuo scrivere già ti presenta. ( non hai messo inusitato, ma va bene lo stesso)

Antonella ha detto...

@Ombresenzaluceesenzaombre: ma sai questa tua idea non è affatto sbagliata. Ci sono persone che attraggono la malvagità o che ne sono sedotte.

fra ha detto...

ciao antonella! io non so fino a che livello di malvagità può arrivare l'uomo, però di una cosa sono certo: esso fin dall 'alba dei tempi è sempre stato tale, a mio parere non è solo colpa di un non sentire l'anima o di demoniaco, è qualcosa di tremendamente umano, che fa sì che l'uomo, probabilmente spinto dalla drammaticità della vita o impulsi repressi, si ritrova a fare gesti che altrimenti non farebbe. Questo non è certamente un giustificare questi atti, io li ripudio, ma a volte bisognerebbe provare ad immedesimarsi in una persona che commette un gesto tale. Una colpa inoltre, a mio parere, va data ad una società che proprina immagini di sesso a valanga e a vestiti un pò eccessivi da parte di qualche signorina.
Un saluto! complimenti per il blog!!