mercoledì 18 marzo 2009

STORIA DI DESIDERIO


Foto realizzata e gentilmente concessa da Cinzia Garbi - Valenza
(immagine soggetta a copyright )

Lei l’aveva trovato diverso dagli altri perché non si offriva e non chiedeva. Dapprima non l’aveva guardato se non con un’occhiata distratta.

Cosa era successo poi di particolare che aveva fatto in modo di distinguerlo da tutti gli altri e di riconoscerlo come una parte di se’ come carne e sangue da prendere e di cui nutrirsi avidamente con voglia e desiderio fremente? Lei non avrebbe saputo rispondere.

Perché non sai mai cosa accende i tuoi sensi; quale richiamo, quale parola, quale modo d’essere quale odore, quale movimento. Ma lui era diventato l’unico che poteva ridestava la voglia profonda e carnale.

Era diventato un bisogno necessario quello di afferrarlo con tutte e due le mani e sentirselo addosso. Lei l’aveva incontrato in presenza di tante persone.

Erano poi rimasti soli. .

Quando le sue labbra si insinuarono tra le labbra di lui sentì subito una voglia indomabile di trattenerlo contro di se'e di averlo.
Non pensò , quando lo baciò, di avere già baciato poiché la sua bocca divenne nuova al contatto con la sua lingua molle ed ardente.

Lei lo guardò con gioia mentre lui si spogliava e offriva il suo sesso nudo e potente alla sua vista.

Allora si inondò del desiderio di avere tutto di lui e di nutrirsi di ogni più segreta parte del suo corpo esposto ed innocente. Lo avviluppò con tutta se' stessa senza lasciare una sola parte della pelle all’aria della notte . Le mani ed il sesso di lui si intinsero del suo desiderio e infine sprofondò nella sua carne impaziente.

6 commenti:

alexilgrande ha detto...

Che brava! Melissa P. a confronto con te è solo una dilettante da 4 soldi!!!!!! xDD

Antonella ha detto...

Oh no!! Melissa no.. preferisco una comparazione con Moravia : ha la mia stessa ansia esistenziale

L'Infedele ha detto...

l'amore per Moravia è un investimento oggettuale da parte di pulsioni sessuali, in vista di un puro ed immediato soddisfacimento sessuale.

vitaedamore ha detto...

No, non lo sai mai cosa accende i tuoi sensi.
È questo il bello.
Sentirsi pieno di questi desideri senza conoscere il loro nascere.

Anonimo ha detto...

Questo vuol dire parlare chiaro e senza tanti giri di parole......compliments sur la clarté, Madame

il viandante ha detto...

L'unicità del desiderio e della sua immediata soddisfazione dicono dello stare come condizione del vivere, del ben-essere.