venerdì 31 ottobre 2008

Poesia quasi seria

Tu m'hai detto stamattina / che non è cosa carina/ raccontare a questa gente / delle cose che uno sente / se mi dici questa cosa/ non vorrei sembrar noiosa/ sei sicuro veramente / sia poi una che non mente?/ non sorprenderti per nulla/ non son mica una fanciulla/ mi diverto a raccontare/ proprio quello che mi pare/ e non è sicuro che / io lo inventi un po' per te/ a me piace recitare/ una donna un po' fatale/ storie varie un po' inventate/ qualche volta anche azzeccate/ ma non sempre sono mie/ sono un po' come badie/ scrivo e invento molte cose/ anche un poco scandalose/ ho il pallino dell'artista / subrettina di rivista / il mio sogno un poco strano / in un circo fare il nano /o la donna della strada/ cavaliere di contrada/ e non credere perciò / sempre a quel che ti dirò/ scrivo quel che più mi piace/ fallo tu se sei capace!/ poi io pubblico veloce/ alla fantasia do voce/ chiudo in fretta il terminale/ come fosse il mio giornale/ e mi vesto con ardore/ per andare col mio amore/ a un convitto assai elegante/ o ad un party un po' intrigante/ alla sera presto a letto / come fossi un angioletto/ quando il sole è ormai sparito/ io mi stringo a mio marito / le parole come vedi/ non son mai quello che credi / ho scoperto questo arcano / ed è un gioco da villano

Nessun commento: