sabato 18 ottobre 2008

COMUNE DI VALENZA: ELEZIONI CONSULTA GIOVANILE IRREGOLARI?

Commedia all’italiana:

SCENA 1 – Due funzionari amministrativi ( la cui esperienza era oramai collaudata da trenta anni di servizio eccellente presso la pubblica amministrazione) riscontrano gravi irregolarità procedurali riguardanti l'elezione del Presidente della Consulta giovanile. Queste irregolarità avevano compromesso in maniera determinante la legittimità del risultato finale

SCENA 2 - La sera stessa informano telefonicamente la persona eletta come Presidente comunicandole la situazione di irregolarità verificatasi e la seria probabilità di dover ripetere le votazioni. La ragazza eletta non solo non pareva ai funzionari ( vecchi di mestiere ) essere sorpresa delle irregolarità ma rifiutava veementemente persino l'idea di un possibile annullamento. Malgrado la sua reazione quasi sospetta, I funzionari concludono la telefonata ribadendo la presenza delle irregolarità e l’intenzione di informare il dirigente per una risoluzione dell’incongruenza.

SCENA 3 – Pochi minuti dopo la telefonata ricevuta, ( era tarda sera) questa persona incontra (casualmente?) il Sindaco (conosciuto per quale motivo? Amicizia? Contiguità politica?...) e si lamenta di essere stata insultata telefonicamente dai due funzionari. Sembra che proprio in questa occasione abbia minacciato una querela contro i funzionari che l’avevano così contrariata.

SCENA 4 – Il mattino successivo, senza che fosse arrivata nessuna querela o altra segnalazione, senza avere chiesto chiarimenti ai funzionari responsabili del servizio, il Sindaco ( per la prima volta interessato alle vicende che riguardavano la consulta giovanile ) ordina al Segretario Generale di avvisare il Dirigente di preparare un'immediata lettera di revoca di tutte le competenze relative alla Consulta giovanile in precedenza assegnate all'ufficio e sancite dal Regolamento comunale ( quindi in barba al Regolamento che non prevedeva una deroga delle funzioni) .

SCENA 5 – La revoca era già stata eseguita quando il giorno seguente arriva in Comune una lettera dello studio legale in cui si fa cenno che la cliente era andata nello studio con l’intenzione di presentare una diffida contro i funzionari ( quindi dalle minacce di querela era passata alle minacce di diffida e nessuna delle due mai messe in atto) ( querela di che poi ? di avere individuato irregolarità che rendevano la sua elezione illegittima? Sfido che non l'ha potuta presentare ! dato che non aveva alcuna argomentazione che potesse avvallare queste chiacchiere sue gratuite. Meno male che c'era il Sindaco che aveva in lei piena fiducia! Chissà come mai! ) .


I funzionari cercano di contattare il dirigente che più volte ribadisce di non essere lui l’artefice della decisione di revoca delle funzioni ma il Sindaco. ( Non si può biasimare il Dirigente più di tanto ( tiene famiglia ) : è stato assunto a contratto a tempo determinato, un sistema per tenere la Dirigenza in ostaggio dei politici = se non fai quello che ti dico non ti rinnovo il contratto.

Piccoli insignificanti particolari :


- I funzionari non sono mai stati convocati dal Sindaco per informare sul tipo di irregolarità ( forse che già il sindaco le conosceva ancora da prima le irregolarità adottate?) .


- Il Sindaco non si era mai interessato alla consulta giovanile se non in questo caso in cui
la nuova eletta poteva correre il rischio di affrontare un vero confronto con gli altri
candidati. Tanto questo lo infastidiva che persino l’esperienza e la rettitudine di trent’anni di servizio dei funzionari sono stati beffardamente calpestati


- Coincidenza voleva che la nuova eletta fosse la fidanzata di un iscritto alla lista che
appoggiava il sindaco durante le elezioni comunali.


- Sono passati cinque mesi e non è stata presentata in Procura alcuna querela o altra segnalazione sul fatto, a carico dei funzionari stessi. Ma la revoca non è stata rimossa.

- In compenso la consulta non ha registrato sinora nessuna iniziativa o attività da cinque mesi
a questa parte. Anzi, l’unica iniziativa presentata non ha avuto il piacere di essere neppure
presa in considerazione da chi aveva smosso mari e monti per diventare presidente. ( una
visione di un film) dato che il numero dei presenti all’iniziativa compreso chi l’ha voluta è stato di : NUMERO zero PRESENTI.


Forse la neo eletta pensava ( dato l’esempio di vita impartitole dal sindaco) che da quel momento sarebbe bastato solo “ dire” senza dover “ fare” . per ottenere consensi e tripudio. La lezione era: non importa se fai qualcosa: basta minacciare di farla per avere lo scettro in mano. Oppure: basta che che tu sia voluta dal Sindaco che si passa sopra a tutto


- Unico intervento = allontanare dalla consulta un gruppo di ragazzi amici dell'ex presidente, l’unico rimasto a contrastare l’attuale situazione



Ci si chiede se anche in altri campi da parte del Sindaco sia stato utilizzato lo stesso sistema di gestione: ossia :

minima riflessione, mancata interpellanza dei servizi competenti, noncuranza dei regolamenti e disattenzione sui procedimenti da adottare.

BELL'ESEMPIO DI CORRETTEZZA E TRASPARENZA DA OFFRIRE AI GIOVANI !!

L’atteggiamento del Sindaco è a mio parere inspiegabile, ma non vogliamo pensare male.

forse davvero il Sindaco è convinto che se un cittadino si lamenta questo è sufficiente , per il buon nome dell’amministrazione comunale che a questi venga revocato il servizio .

Allora sig. Sindaco, per coerenza col suo modo di agire ,



ASPETTIAMO AL PIU' PRESTO LE SUE DIMISSIONI
.
PERCHE' OGNI GIORNO, LE ASSICURO, CI SONO
.
QUATTRO O CINQUE CITTADINI CHE SI LAMENTANO
.
DI LEI



Ma non è finita qui .....perchè i funzionari non hanno intenzione di lasciar correre….. fra poche settimane il seguito....

6 commenti:

Lanza ha detto...

Una storia di ordinario malaffare,tu sei stata brava e coraggiosa a raccontarla.Nel nostro piccolo possiamo fare molto.Vai avanti così.Ciao

Antonella ha detto...

Grazie Robi. Sto diventando troppo seria

Anonimo ha detto...

Io l'ho sempre detto che sei una donna con le palle...
Kiss + abbraccio
B.S.S.

Erre54 ha detto...

caspita che post..
cmq vai sul mio e leggi dove sono andata sabato..e sopratutto che cosa ho ascoltato..

Antonella ha detto...

Ho letto e risposto. un titolo al blog : " facciamo centro. " che ne pensi?
baci
Antonella

Anonimo ha detto...

Incredibile: e avvisare i giornali ?