martedì 2 settembre 2008

Devo lavorare

Respiro, smetti di affannarmi, cuore, smetti di agitarmi. Rallenta il battito, rallenta il sospiro.
Cos’altro vuoi dalla mia vita? Ho eseguito i richiami . Ho ubbidito alle voci.
Dunque che cazzo vuoi da me? Non vedi come mi sono perduta?. Non vedi che non sto al passo ?
Non posso fare altro. Abbandonami. Lasciami perdere. Trovati un'altra da stringere tra le tue spire infernali!
Mi hai sorpreso ed aggredito come fossi un passante in un vicolo cieco. Mi hai bastonato e derubato delle mie poche certezze. E adesso? Cosa farò? Non starmi addosso, oh cuore. Vattene. Prendi il tuo zainetto e lasciami sola.
Devo lavorare.

Nessun commento: