sabato 23 agosto 2008

Io vi incontrerò per caso

Ho cercato l'abbraccio degli amici. Ho cercato le cene gioviali nelle sere estive. Ho cercato il traffico delle auto in corsa sulle autostrade. Ho succhiato queste giornate assolate sulla sabbia bianca. Non ho pensato a nulla. Ho aspettato docilmente come una degente in un ambulatorio medico. Così che il tempo è trascorso con giorni e giorni al seguito ed ore ore ancora. Un tempo pieno di cose . ma non ne sono appagata. Ho corso in un cerchio chiuso. sono daccapo. Arrestatemi. Non è questa la corsa che mi si conviene. Non è questa la vita che riconosco. Ve la cedo. Prendetela. fatene quello che volete. Potete gettarla ai rovi. Potete indossarla come un capo classico. Io vi incontrerò per caso con addosso la mia vita e la riconoscerò senz'altro. Riconoscerò la malinconia grigia e il dolore sordo delle notti estive. Riconoscerò le mie lacrime e la nostalgia lancinante per un ricordo che non passa mai

Nessun commento: